giovedì 27 dicembre 2012

Lezione 7: Il "fantasma" di Samuel


Lezione 7: Il "fantasma" di Samuel

discussione di avviamento: Qualcuno di voi ha mai visto un fantasma?

Pensi che i fantasmi sono reali?

lo studio della Bibbia: Abbiamo letto su come Davide fuggì dal re Saul e vive nel deserto e poi nel paese dei Filistei.

Leggi 1 Samuele 28:1-20.

E 'davvero questo lo spirito di Samuele ritorno dalla morte, o è un trucco del mezzo?

In questo caso, dobbiamo presumere che in realtà è stato Samuel essere convocato perché ci viene data alcuna indicazione che l'evento era inautentico in alcun modo. La chiave qui è che Samuel doveva essere convocato. Non stava vagando la terra o aggira la sua residenza vecchia.

Dove è stato Samuel essere stati citati da? Lui sicuramente non era in inferno e lui non era ancora in cielo. Allora, dove si trovava?

Leggi il Salmo 6:5.

David non è immaginare che canta in qualsiasi coro celeste quando muore. Pensa che lui non sarà mai più lodare Dio una volta che ha trasmesso.

Leggi Isaia 38:10-11, 18-19.

Le parole che sono state tradotte in questi versi come "morte", "tomba", e "fossa" provengono tutti dalla parola ebraica, Sheol.

Samuel era stato convocato dagli inferi, o morte, il luogo in cui tutte le persone dell'Antico Testamento ha dovuto attendere fino a che Cristo è morto per loro. Samuele è convocato solo per un breve periodo di tempo. Egli è ancora legato nella morte dopo questo e in grado di comunicare o lasciare la morte senza essere convocato di nuovo.

Quando moriamo, noi non andiamo agli inferi. Andiamo in Paradiso o all'Inferno. Qual è la differenza tra noi e Samuel? Perché è andato agli inferi e andiamo in Paradiso o all'Inferno quando moriamo?

La differenza è che Samuel e tutti gli altri nel Vecchio Testamento vivevano prima di Cristo è venuto e che stiamo vivendo dopo Cristo è venuto. La morte è la punizione per il peccato. Perché Gesù non era ancora giunto nel Vecchio Testamento, Samuel dovuto rimanere morto per la sua punizione. Ma per noi, siamo stati perdonati. Gesù è morto sulla croce, subendo il castigo per i nostri peccati su di Sé. Così, quando moriamo, la nostra punizione, la nostra pena, è già stato curato. Non possiamo rimanere morto perché Gesù è già morto per noi.

E 'un po' come il baseball. Nel gioco del baseball, non si possono avere due corridori sulla stessa base. In entrambi i casi si deve andare avanti o l'altro ha di tornare indietro. Essi non possono occupare la stessa base. E 'la stessa cosa con noi e Gesù. Gesù ha già occupato il nostro posto nella morte, così quando arriviamo lì, la morte rende i nostri spiriti andare avanti. Non possiamo rimanere lì. Dobbiamo andare né in Paradiso o all'Inferno, sulla base della decisione che abbiamo fatto.

Quindi, le nostre anime sono liberi di muoversi morte passato e andare in Paradiso. Anche se il nostro corpo muore, non siamo veramente morti. I nostri spiriti vivere attraverso la morte e non devono rimanere nella morte, come gli spiriti del popolo dell'Antico Testamento ha fatto.

Siamo noi. Ma adesso dobbiamo tornare indietro e chiedere, Beh, quello che è successo al popolo dell'Antico Testamento, che è morto prima che Gesù venisse? I loro spiriti mai a passare oltre la morte come la nostra fare? Ha Samuel mai arrivare a vivere di nuovo?

E la risposta a questa domanda è sì. In realtà, i loro spiriti sono già passati.

Leggi Matteo 27:52-53.

Tutti coloro che ha vissuto prima di Cristo erano bloccati nella morte. Una volta morto e risorto, erano liberi di muoversi morte passato. Gesù era venuto a occupare il loro posto e hanno dovuto passare. Vedete, la morte di Gesù 'non era solo per noi. Non era sconfiggere la morte solo per noi. Stava morendo per Adamo e di Caino e Abele e per Noè e per tutti coloro che erano morti prima di venire.

Leggi 1 Pietro 3:18-20.

Gesù andò a predicare al popolo che erano morti, tutte quelle persone che erano morti nel diluvio. Suo Spirito ha parlato con il loro spirito e disse loro la buona notizia, ha detto loro il messaggio del motivo per cui era venuto, e ha dato loro la possibilità di riporre la propria fiducia in Lui per la salvezza. Gesù ha predicato ai morti in modo che i loro spiriti potessero vivere di nuovo.

La seconda menzione di fantasmi nella Bibbia si trova in una storia raccontata da Gesù.

Leggi Luca 16:19-31.

In questa parabola, Gesù è chiaramente raffigurante Lazzaro e Abramo come in cielo e l'uomo ricco come essere in un inferno di fuoco. Così, Gesù sta proiettando avanti la storia al tempo in cui egli è già morto e liberato Abramo e tutte le altre persone del Vecchio Testamento da Sheol. La storia si svolge nel momento in cui lo spirito delle persone non rimangono nella morte, ma sono "portati" direttamente in Paradiso o all'Inferno. E quando l'uomo ricco implora per Lazzaro di ritornare (come un fantasma) e di parlare con la sua famiglia, la sua richiesta viene negata. Non perché è impossibile, ma perché non è pratico. L'invio di persone indietro dalla morte semplicemente non è fatta in cielo. E 'inefficace nel persuadere le persone a pentirsi.

Così Samuel era in grado di essere convocato perché era negli inferi, al momento. Presumibilmente, chiunque potrebbe essere convocato quando erano nello Sceol. Ma potrebbe essere Samuel convocato dopo Cristo è morto e Samuel è stato spostato verso il cielo? Potrebbe Abramo o Lazzaro essere convocato? Io credo di no. Le persone che sono in Paradiso o all'Inferno, come nella parabola, non lascia quei luoghi ancora una volta fino al momento della seconda venuta di Cristo e la resurrezione finale.

E per quanto riguarda i fantasmi che vediamo oggi? Se le persone sono trasportate direttamente in Paradiso o all'Inferno ora e non tornare ad apparire come fantasmi per noi, quali sono i "fantasmi" che si prova?

Io credo che i fantasmi che vediamo oggi non sono persone a tutti, ma i demoni travestiti come i nostri cari ei morti casuale. Il motivo per cui farlo è quello di mettere in dubbio la realtà del Paradiso e dell'Inferno. Se i demoni possono farci credere che le persone diventano fantasmi e vagare per il mondo per un tempo, poi si toglie un po 'l'urgenza del nostro destino eterno. Fa sembrare Paradiso e Inferno non sono così immediati. Non ci si deve preoccupare è abbastanza tanto. Siamo in grado di finire quello che stavamo facendo sulla terra per primo. Siamo in grado di vendicare il nostro assassino. Possiamo dire addio alle nostre famiglie per primi.

Considerando che questi sono tutti pensieri piacevoli e confortevoli, non sono la realtà. Non abbiamo più tempo dopo la morte. Non possiamo cambiare le nostre menti o pentirsi o fare le cose diversamente. Abbiamo solo una vita a fare ciò che deve essere fatto e si può avere una sola vita per prendere la nostra decisione per l'eternità. Quando si muore, questo è tutto. Tempo di e Paradiso e l'Inferno sono tutto quello che resta. Quindi meglio vivere come ci rendiamo conto che. I demoni che appaiono come fantasmi solo cercano di distrarci da questo fatto. Ogni fantasma che vediamo oggi è una falsa apparizione.


Re Davide, il più piccolo potente

Lezione 7: Il "fantasma" di Samuel
discussione di avviamento: Qualcuno di voi ha mai visto un fantasma?


Pensi che i fantasmi sono reali?


lo studio della Bibbia: Abbiamo letto su come Davide fuggì dal re Saul e vive nel deserto e poi nel paese dei Filistei.


Leggi 1 Samuele 28:1-20.


E 'davvero questo lo spirito di Samuele ritorno dalla morte, o è un trucco del mezzo?


Dove è stato Samuel essere stati citati da? Era in Paradiso, l'Inferno, o da qualche altra parte?


Leggi il Salmo 6:5.


Che cosa significa questo versetto dice che accade dopo la morte?


Leggi Isaia 38:10-11, 18-19.


Che cosa dice questo passaggio avviene dopo la morte?


Le parole che sono state tradotte in questi versi come "morte", "gravi" e "pit" provengono tutti dalla parola ebraica, ______________.

Samuel era stato convocato dagli inferi, o morte, il luogo in cui tutte le persone dell'Antico Testamento ha dovuto attendere fino a che Cristo è morto per loro. Samuele è convocato solo per un breve periodo di tempo. Egli è ancora legato nella morte dopo questo e in grado di comunicare o lasciare la morte senza essere convocato di nuovo.

Quando moriamo, noi non andiamo agli inferi. Andiamo in Paradiso o all'Inferno. Qual è la differenza tra noi e Samuel? Perché è andato agli inferi e andiamo in Paradiso o all'Inferno quando moriamo?

La differenza è che Samuel e tutti gli altri nel Vecchio Testamento vivevano ______________ Cristo è venuto e che stiamo vivendo _______________ Cristo è venuto. La morte è la punizione per il peccato. Perché Gesù non era ancora giunto nel Vecchio Testamento, Samuel dovuto rimanere morto per la sua punizione. Ma per noi, siamo stati perdonati. Gesù è morto sulla croce, subendo il castigo per i nostri peccati su di Sé. Così, quando moriamo, la nostra punizione, la nostra pena, è già stato curato. Non possiamo rimanere morto perché Gesù è già morto per noi.

E 'un po' come il baseball. Nel gioco del baseball, non si possono avere due corridori sulla stessa base. In entrambi i casi si deve andare avanti o l'altro ha di tornare indietro. Essi non possono occupare la stessa base. E 'la stessa cosa con noi e Gesù. Gesù ha già occupato il nostro posto nella morte, così quando arriviamo lì, la morte rende i nostri spiriti andare avanti. Non possiamo rimanere lì. Dobbiamo andare né in Paradiso o all'Inferno, sulla base della decisione che abbiamo fatto.

Quindi, le nostre anime sono liberi di muoversi morte passato e andare in Paradiso. Anche se il nostro corpo muore, non siamo veramente morti. I nostri spiriti vivere attraverso la morte e non devono rimanere nella morte, come gli spiriti del popolo dell'Antico Testamento ha fatto.

Siamo noi. Ma adesso dobbiamo tornare indietro e chiedere, Beh, quello che è successo al popolo dell'Antico Testamento, che è morto prima che Gesù venisse? I loro spiriti mai a passare oltre la morte come la nostra fare? Ha Samuel mai arrivare a vivere di nuovo?


Leggi Matteo 27:52-53.


Che cosa è successo in questi versetti?


Leggi 1 Pietro 3:18-20.


Che cosa è successo in questi versetti?

Nessun commento:

Posta un commento